07/09/2007

DIO ASCOLTA OGNI RESPIRO
. Anche i bau, i miao, i forse e i perché


2007_09_07_058

dagli 8 ai 99 anni


Paolo De Benedetti è uno studioso della "Bibbia" e tra i suoi amici conta molti cani, gatti e uccellini. Insieme a Michele Ferri, illustratore del suo libro "Gatti in cielo", e alla scrittrice Giusi Quarenghi, De Benedetti ci spiega come in cielo si presti attenzione a tutti gli esseri viventi, compresi quelli a quattro zampe (e anche ai bambini!).


English version not available

Italiano

La Cappella del Palazzo del Mago è stato il luogo scelto per la presentazione della raccolta di poesie "I gatti in cielo" di Paolo De Benedetti. Dopo l'introduzione di Giusi Quarenghi, De Benedetti è partito parlando a grandi e piccini presenti della sua semplice vita di campagna a stretto rapporto con gli animali. Considerati sin dalla creazione come dotati di speciali poteri, di innata sensibilità, di fantastica capacità di intuizione, questi esseri viventi sono stati gli unici sopravvissuti all'avvento del peccato originale nel meraviglioso giardino dell'Eden. Da sempre accanto agli uomini, sono da noi contemporaneamente amati e incompresi, spesso per la nostra incapacità di capire il loro linguaggio; per loro basta infatti anche un solo sguardo o uno scodinzolio per lanciarci un messaggio che a volte ci sfugge e non riusciamo a cogliere. Non è difficile individuare, nel corso della lunga storia dell'umanità, eventi in cui quadrupedi e pennuti abbiano aiutato l'uomo: chi non ricorda, ad esempio, le oche che sul Campidoglio salvarono Roma dall'invasione dei Galli? Questa bontà innata degli animali è la più viva espressione della gioia che Dio stesso vuole infondere in tutte le Sue creature; l'uomo, invece, deve autonomamente gestire le sua libertà evitando di cedere a tutte quelle azioni che non gli permettono di crescere in grazia. Cittadino del mondo, in qualsiasi posto l'uomo vada, non è mai straniero, perché creato da un impasto tra tutte le terre e il cielo, soffio di Dio che entra nel finito per generare la vita. Aneddoti e favole scandiscono il tempo dell'incontro: molto toccanti i componimenti che raccontano del gatto Miciotti e del gatto Martino, fedele amico di De Benedetti 'volato in Cielo' proprio durante la stesura del libro. La raccolta è dedicata proprio a tutti gli animali che nella vita dello scrittore hanno lasciato un segno, specialmente nei momenti più difficili, quando la loro grande tenerezza ha reso il dolore più sopportabile. L'insolita ultima parte dell'incontro ha avuto inizio dopo che l'illustratore del libro, Michele Ferri, ha invitato il pubblico a disegnare un gatto, fornendo tutte le indicazioni per creare gli schizzi. Tutti si sono messi al lavoro e alla fine tutti questi gatti, nati dalla fantasia dei presenti o magari venuti fuori dai loro ricordi, sono stati incollati su un telo bianco sullo sfondo del palco. Tutti insieme formavano un cielo...cSì, erano proprio 'gatti in cielo'.

1Luoghi collegati

1Enti correlati