05/09/2008

L'IMPROBABILE CHE CI ATTENDE


2008_09_05_099

Nelle nostre azioni quotidiane ci facciamo guidare dall'esperienza: quello che è già accaduto - e che continua ad accadere - orienta le nostre scelte. Eppure finisce sempre che è il verificarsi di eventi altamente improbabili a segnare il corso della storia. Basti pensare - senza andare troppo indietro nel tempo - all'11 settembre. Secondo Nassim Taleb, docente di Scienze dell'incertezza alla University of Massachusetts e autore di "Il cigno nero", è venuto il tempo di dare più peso al caso. Lo incontra Luca De Biase.


English version not available

Italiano
Inglese

Nel Cortile del Museo Diocesano Luca De Biase intervista Nassim Nicholas Taleb. Una musica di sottofondo accoglie i numerosi spettatori, che troveranno sulle poltroncine blu una copia di "Nòva", l'allegato del "Sole 24 Ore". De Biase introduce il professore americano parlando dell'imprevedibilità della nostra epoca e della paura che incute sapere che la certezza è cosa ben rara. Solamente la capacità di cogliere l'imprevisto potrebbe essere l'inizio della soluzione. Il libro di cui parla, "Il cigno nero", è divertente, nonostante la tematica non sia facile da affrontare con ilarità. È un argomento fondato sulla pura epistemologia, affrontato in modo innovativo. Taleb parla in inglese, affermando che riesce a dire qualche parola in italiano solo con l'ausilio di qualche bicchiere di spumante «made in Italy». Definiamo cigno nero un evento altamente improbabile: la nostra natura, la voglia innata dell'uomo di spiegarsi ogni cosa, ci spinge a costruire delle motivazioni che rendono quell'evento meno casuale di quanto non sia nella realtà. Trascuriamo la novità per dare voce all'archivio della nostra conoscenza, archivio che non siamo bravi a gestire. Le inchieste di Taleb spaziano ampiamente: dalla finanza alla medicina, dalla storia all'economia, e conducono a risultati interessanti e sorprendenti. Le scoperte casuali portano subito allo sviluppo e, solo dopo, vengono assunte dalla scienza. E il futuro? Battisti e Mogol ci forniscono la migliore risposta: «lo scopriremo solo vivendo!». Simpaticissimi gli interventi del pubblico e le risposte di Taleb.

1Luoghi collegati

1Rassegne e temi correlati