06/09/2008

Ezio Raimondi con Elia Malagò

2008_09_06_131

Ezio Raimondi è uno dei pochi intellettuali italiani di respiro davvero europeo. Nella sua vasta opera critica ("Il romanzo senza idillio"; "Camminare nel tempo"; "L'etica del lettore solo per citare alcuni dei suoi volumi"), ha unito la ricerca filologica e documentaria con la sperimentazione dei più moderni metodi interpretativi. Ha insegnato letteratura italiana all'Università di Bologna, formando intere generazioni di studiosi. Con una delle sue allieve, Elia Malagò, Raimondi racconta della sua avventura di insegnante e dell'ininterrotta pratica della lettura.


English version not available

Italiano

A Teatro Bibiena va in scena una lezione fuori dagli schemi e ad introdurla c'è Elia Malagò. Il protagonista è Ezio Raimondi, suo ex insegnante all'Università di Bologna, che parla di sé, dell'esperienza come docente, della letteratura e della scrittura. Il filo conduttore è la conversazione che, secondo Raimondi, è il mezzo privilegiato per comunicare, perché non si può banalmente parlare ad una platea dall'alto di un palco (reale o immaginario che sia), ma bisogna offrire a coloro che ascoltano un testo orale appena nato e da sviluppare. Ad un certo punto Malagò interviene definendo lo scrittore «uno stregone», e a giudicare dalle espressioni della platea incantata, oggi a teatro Raimondi ha compiuto proprio una magia.

1Luoghi collegati