07/09/2008

SOTTOSOPRA MANTOVA. percorso all'alba


2008_09_07_179

Evento ripetuto

«Non sapersi orientare in una città non vuol dire molto. Ma smarrirsi in essa è una cosa tutta da imparare». Il filosofo Walter Benjamin aveva così ragione che lo scrittore Stefano Scansani si sente legittimato a fare una cosa orribile (dall'armeno antico, eccitare): far perdere i turisti in una città nella quale è solo possibile arrivare, perché Mantova è un luogo dove non si approda per caso. Sotto la guida di Stefano Scansani si potrà sperimentare uno smarrimento totale fra cunicoli, cripte, tombe, sotterranei, giardini in aria. Tour letterario, anche orario e alimentare (la colazione è compresa), fra lampi di spiegazioni, rumori e musica.

A cura di Roberto Soggia con interventi musicali di: Scraps Orchestra, Quartetto di Tromboni del Campiani, Lusit Orpheus e Damiano Rossi.

English version not available

Italiano

Mantova è una città dove non si arriva per caso. E chi vi giunge per il Festival, magari per la prima volta, potrebbe non riuscire ad orientarsi. Per Stefano Scansani non è una cosa grave. Grave è non smarrirsi per le vie della città.
Il capo redattore delle pagine culturali della Gazzetta di Mantova ha accompagnato i suoi ospiti in un tour letterario della sua città. Dalla colazione all'alba in riva al lago fino all'entrata in città come una orda di lanzichenecchi.
Mantova è la città protagonista della sua attività letteraria, sospesa tra storia locale, Gonzaga, la fossa del Po e tradizioni enogastronomiche; e anche al pubblico cerca di far capire il suo amore.

1Persone correlate

1Luoghi collegati

2Rassegne e temi correlati

1Enti correlati