07/09/2011

VOCI DAL MONDO ARABO 1997-2010

2011_09_07_VMA1800

Molti sono gli esponenti della cultura araba che dal 1997 ad oggi sono intervenuti a Festivaletteratura: narratori come Elias Khouri ed Assia Djebar, poeti come Adonis e Joumana Haddad, intellettuali oggi purtroppo scomparsi come Edward Said e Mahmud Darwish, ed altri ancora. In un'edizione che dedica una particolare attenzione alle rivoluzioni in corso nei paesi del Mediterraneo, ci è sembrato particolarmente importante poter tornare ad ascoltare le loro parole. Presso l'Archivio di Festivaletteratura sarà possibile nei giorni del Festival risentire alcuni di quegli interventi. Elisabetta Bartuli e Paola Caridi, che hanno presentato in questi anni molti degli autori arabi intervenuti, nella serata di mercoledì inaugureranno ufficialmente le postazioni d'ascolto ricordando alcuni di quegli incontri.

English version not available

Italiano

Mantova, piccola grande città, ma anche patria culturale d'adozione per molti scrittori e dissidenti arabi. Il ruolo del Festivaletteratura come luogo di accoglienza, come spazio libero di confronto aperto, in tempi non sospetti, alle più fervide e brillanti menti provenienti dal mondo arabo, è stato sottolineato con forza nel corso dell'incontro dal titolo "Voci dal mondo arabo 1997-2010", con Elisabetta Bartuli e Paola Caridi all'Archivo Festivaletteratura. E proprio il ruolo dell'archivio è stato al centro dell'incontro, per la sua capacità di riproporre video e foto di incontri delle precedenti edizioni del Festivaletteratura con alcuni tra i più importanti autori del mondo arabo, tra cui Fateema Mernissi, Edward Said e Alaa Al-Aswany. Gli anni di piombo marocchini, la drammatica vicenda del popolo palestinese e le dinamiche e contraddittorie strade del Cairo: questi alcuni dei temi affrontati dagli autori, che, offrendo uno spaccato della vitalità, ma anche delle problematiche insite nelle rispettive società, hanno anticipato in qualche modo i recenti avvenimenti del risveglio arabo. E Mantova è stata un caso pressoché unico nel panorama culturale italiano, in quanto ha saputo offrire ai dissidenti arabi un'oasi di libertà, ricevendo in cambio testimonianze uniche, di vita vera e di impegno autoriale d'antan. E il pubblico del Festivaletteratura può ancora oggi ripercorrere quelle interviste, quei momenti di confronto e dialogo con un mondo, quello arabo, che spesso non abbiamo voluto o saputo conoscere: basta recarsi all'Archivio Festivaletteratura. Ripercorrere il passato per interpretare il presente, una lezione sempre valida.

1Luoghi collegati

1Enti correlati