11/09/2011

Yehoshua Kenaz con Lella Costa

2011_09_11_264

«Senza la compassione non puoi scrivere un romanzo. Senza la compassione le cose non riescono ad essere umane e convincenti». Maestro nel raccontare le esistenze, anche le più misere, con vividezza, rendendole immortali grazie alla letteratura ("Voci di muto amore"; "Ripristinando antichi amori"), Yehoshua Kenaz, insignito di numerosi premi e autore di uno dei romanzi eletti tra i migliori dieci della letteratura israeliana di tutti i tempi, è uno dei più amati e schivi scrittori viventi. Lo incontra Lella Costa.

Con il contributo dell'Ufficio Culturale dell'Ambasciata di Israele in Italia.

English version not available

Italiano

Come dice Lella Costa, ogni anno al Festivaletteratura le tocca la «quota olocausto». La brillante attrice non ha tutti i torti, ma il connubio tra la sua voce e la letteratura israeliana di Yehoshua Kenaz è troppo bello per rinunciarvi. Dell'autore di "Voci di muto amore", la Costa mette in luce la capacità di fare una letteratura che sa essere universale, oltre cioè i confini di Tel Aviv, e capace di parlare al cuore di tutti. Nei suoi romanzi si nota la profonda sensibilità nel mostrare come il dolore non renda migliori e faccia scaturire una naturale pietà. Come dice Kenaz: «Noi esseri umani siamo costruiti così: quando vediamo qualcuno che cade, dobbiamo andare lì e aiutarlo a rialzarsi». Lo scrittore spesso dissemina i suoi libri di storie minori che poi non completa: fa credito cioè al pubblico della fantasia necessaria per trovare un finale, consapevole che la vita è piena di cose non dette e non risolte. I personaggi di Kenaz, ebrei e musulmani di Tel Aviv, non sono eroi e la questione religiosa è sempre sullo sfondo delle sue storie. E anche la scafata Lella Costa si commuove leggendo il passo del ragazzo musulmano picchiato.

1Luoghi collegati