10/09/2016

QUALCUNO ERA COMUNISTA PERCHÉ...

2016_09_10_180

Due storie che nascono in ambiti diversi ma che rivelano la stessa volontà di restituire narrativamente un'epoca e una stagione politica che ha segnato il nostro paese: «Quando si è dissolta l'Unione Sovietica la forma storica del Pci si è svuotata. Restano i protagonisti, può rimanere una certa attitudine all'impegno sociale, ma quel mondo è scomparso. I Settanta sono l'inizio della decadenza, per questo sono interessanti». - dice Lodovico Festa che ha affidato a "La provvidenza rossa" la vita quotidiana del Pci a Milano negli anni Settanta, ammantandola di giallo. Mentre Massimo Cirri ("Un'altra parte del mondo") ci restituisce la figura di Aldo T., il figlio di Palmiro Togliatti con problemi mentali, scioccato dalla disgregazione del sogno comunista. Sulle inconsapevoli interazioni tra i loro romanzi i due autori parlano sotto la guida sapiente di Luigi Caracciolo.

English version not available

Italiano

Non disponibile.

1Luoghi collegati