10/09/2016

LASCIARE ENTRARE L'ALTRO

2016_09_10_218

«Troppe delle cellule migliori del mio corpo/ prudono, frastagliate, inacerbite/ in questa gelida primavera». "Sulla mutabilità" di Jo Shapcott, tra le voci più incisive della poesia inglese contemporanea, mette in scena lo stato di insicurezza del corpo malato, il cambiamento e la fragilità umana, disegnando paesaggi fisici e psichici di valore universale con forte linguaggio sensoriale, senso ritmico, ironia e black humour. Shapcott leggerà le poesie accompagnata da Paola Splendore che ne ha curato la traduzione italiana.

English version not available

Italiano
Inglese

Non disponibile.

1Luoghi collegati

1Enti correlati