08/09/2017

ADESSO SONO NEL VENTO

2017_09_08_100

«Ci si può chiedere quale sia oggi lo scopo di Auschwitz (...). Non è una domanda che riguarda semplicemente il suo significato in quanto luogo della memoria. È molto di più, è una domanda su di noi, sulla nostra condizione. È una domanda sull'umanità». La potenza dei simboli talvolta è tale che essi arrivano a trascendere la Storia; il campo di concentramento di Auschwitz oggi si protende oltre la Seconda guerra mondiale e il Terzo Reich: nel solo 2016, sono stati superati i due milioni di visitatori, provenienti da nazioni e culture diverse e in gran parte adolescenti. Ma cosa cercano oggi i ragazzi in quel luogo che porta alla mente ricordi bui? Cosa cerchiamo fra i blocchi e le baracche, il filo spinato e i forni crematori? Per cercare di dare una risposta a queste domande, Piotr M. A. Cywiński ("Non c'è una fine"), direttore del Museo di Auschwitz-Birkenau, discute di memoria, consapevolezza e responsabilità insieme allo scrittore e saggista Frediano Sessi ("Auschwitz: guida alla visita").

Con il sostegno del Consolato Generale della Repubblica di Polonia in Milano.

English version not available

Italiano
Francese

Non disponibile.

1Luoghi collegati

1Enti correlati