08/09/2017

«L'AMORE SI IMPOSSESSAVA DI LEI»

2017_09_08_115

La vita di Elizabeth Jane Howard è forse più complessa e intricata di quelle dei numerosi personaggi della sua saga dei Cazalet, fortunata serie di romanzi che segue le vicende di una famiglia della borghesia inglese del dopoguerra, e da cui i produttori di "Downton Abbey" vogliono trarre una serie televisiva. Donna forte e affascinante, dalla infinita vena creativa, si trovò a lottare con una vita sentimentale che la portò a sposarsi tre volte, l'ultima col celebre scrittore Kingsley Amis. «Era una donna intelligente, pratica, eppure sempre alla mercé di fantasie romantiche; una femminista convinta, e al tempo stesso più che sensibile alle adulazioni di qualsiasi uomo la amasse o la ammirasse», scrive di lei Artemis Cooper, scrittrice britannica che ha lavorato a stretto contatto con la Howard e ne ha redatto una biografia che dipinge un ritratto ammirato e critico. Insieme a Stefania Bertola, l'autrice di Un'innocenza pericolosa parlerà di una grande icona dell'emancipazione femminile.

English version not available

Italiano
Inglese

Elizabeth Jane Howard, il ritratto di una vita fuori dagli schemi

Se i confini geografici sono valicabili, ancor più lo sono quelli che convenzionalmente delimitano i generi letterari: gli scrittori di questa edizione si dimostrano tra i più propensi a muoversi liberamente tra canoni, forme e registri espressivi.
Sono tanti gli elementi che fanno di Elizabeth Jane Howard una figura dal magnetismo unico nel mondo letterario: una storia personale tanto interessante quanto travagliata, segnata spesso dall'infelicità; la sua professione, quella di autrice di numerosi romanzi, sì, ma anche di attrice; e soprattutto, la sua attività letteraria, un intreccio di storie, figure e vicende complesse, affascinanti, talvolta effettivamente reali.
Una scrittrice inglese, Artemis Cooper, già autrice di alcune biografie, ha cercato di tirare le fila della vita di Elizabeth Jane Howard e di ricostruirne l'immagine attraverso i vari frammenti. Ciò che ne è nato è una biografia uscita pochi mesi fa, "Elizabeth Jane Howard - Un'innocenza pericolosa", presentata ieri al pubblico di Festivaletteratura.
Artemis Cooper ha iniziato il lavoro mentre la scrittrice era ancora viva; «Jane era felicissima di quell'idea», ha spiegato la Cooper, e le ha offerto un grosso aiuto nella ricostruzione - l'ha addirittura messa in contatto con il suo psicoterapeuta. Nata nel 1923, la Howard è cresciuta in una famiglia agiata ma problematica - subisce le molestie del padre, ha un rapporto difficile con la madre che non la desiderava -, e ha deciso di scapparne il prima possibile. Unica via di fuga: il matrimonio, il primo. Ci saranno altri matrimoni (uno dei quali con lo scrittore Kingsley Amis) e altre relazioni nella sua vita, tutti guidati dal bisogno di ricevere affetto e amore, tutti ugualmente naufragati. Appassionata sin dall'infanzia alla scrittura, non l'ha mai abbandonata, nemmeno quando si è messa alla prova come attrice; successivamente, ha deciso di concentrarsi su di essa. Una carriera prolifica, la sua, a lungo rimasta ingiustamente in secondo piano. Tra i suoi romanzi, la celeberrima saga familiare dei Cazalet, che tocca da molto vicino la storia della sua stessa famiglia e che comprende cinque titoli - quattro finora quelli editi in Italia: "Gli anni della leggerezza", "Il tempo dell'attesa", "Confusione" e "Allontanarsi".
Il ritratto della scrittrice che emerge dalla biografia di Artemis Cooper è quello di una donna «ambiziosa, piena di talento, bellissima» ma anche vincolata dall'insicurezza, dall'inquietudine e dall'emotività. In ogni caso, è stata proprio la forte sensibilità dovuta alle vicende personali a metterla in grado di descrivere così abilmente gli scenari familiari.

1Luoghi collegati