04/09/2019

ENRICO DETTO ERRI

2019_09_04_006

Alpinista, amante della montagna, traduttore di yiddish ed ebraico antico, autista di convogli umanitari, scrittore, attivista politico, giornalista, volontario durante la guerra civile nella ex-Jugoslavia... la figura di Erri De Luca è multiforme e forse impossibile da raccontare in poche righe, ma certamente da quando nel 1989 uscì Non ora, non qui – il suo romanzo d'esordio – l'autore napoletano ha saputo rispondere alle "domande" che il periodo storico gli presentava, trattando i temi più disparati nei suoi romanzi (Il peso della farfalla, In nome della madre, I pesci non chiudono gli occhi, Impossibile) e riuscendo a coniugare le due anime che lo abitano: lo spirito battagliero – «ho bisogno di una buona causa per essere messo in moto», afferma – e quello contemplativo, che lo porta a scrivere «su quaderni a righe storie che escono alla lentezza e al fruscio della penna su carta. Non scrivo seduto ad un tavolo ma sulle ginocchia. Scrivo prima che spunti il giorno».

English version not available

Italiano

1Persone correlate

1Luoghi collegati

1Enti correlati