IL ROMANZO È UNA DOMANDA SENZA RISPOSTA

Fare una cosa che non si è mai fatta o che da tempo si era messa da parte è difficile, ma certamente stimolante e succede spesso che un artista, giunto all'apice della propria carriera, inizi ad avvertire il pericolo di ripetersi: forse anche per questo motivo lo scrittore spagnolo Javier Cercas (L'impostore, Il punto cieco) ha compiuto un passo che lo porta verso una strada differente rispetto a quella percorsa negli ultimi anni. Da sempre abile utilizzatore di una prosa fondata sul connubio tra fatti storici e riferimenti autobiografici, con la sua ultima opera Terra alta (vincitore del premio Planeta 2019) abbandona l'unione di cronaca, saggio e finzione per dedicarsi alla fiction pura con un giallo dalle tinte noir, genere che Cercas ama particolarmente perché è "facile da leggere, ma difficile da capire". Insieme a Marco Malvaldi (Il borghese Pellegrino), che di gialli se ne intende, ci parlerà di come gli scrittori siano simili agli alchimisti, capaci di trasformare le crisi e l'orrore nella bellezza della letteratura.

L'incontro si terrà in italiano.

1Luoghi collegati