09/09/2022

IL SOGNO DI DANTE

2022_09_09_108

«Scriverò in istilo assai umile e leggiero, però che più alto nol mi presta lo 'ngegno, (…) quelle cose le quali esso di sé onestamente tacette». Nella seconda metà del '300, Giovanni Boccaccio aprì il suo Trattatello in laude di Dante senza nascondere la genuina devozione verso il poeta che più d'ogni altro modellò la sua e la nostra lingua. Tanto nel romanzo L'alta fantasia che nell'adattamento cinematografico Dante, di prossima uscita, Pupi Avati è partito dal viaggio di Boccaccio a Ravenna sulle tracce del Sommo per perdersi nel più alto e irrisolto mistero della letteratura italiana: chi fu veramente l'uomo morto in esilio nel 1321, pieno di dolorose passioni e di venerazione per la gentil donna Beatrice, che i secoli ci consegnano intatto come un monumentale sogno in versi? Una divina peregrinazione nell'Italia del tardo Medioevo sarà al centro dell'incontro tra il regista bolognese e lo storico della lingua Giuseppe Antonelli (Dante. Un'epopea pop).
English version not available
Italiano

1Luoghi collegati