Avati, Pupi

Persona

Pupi Avati al Festivaletteratura 2015 - ©Festivaletteratura

«So di non aver fatto il film che avrei dovuto: il mio talento e la mia vocazione avrebbero potuto dare di più. Ma l'insoddisfazione è il carburante che mi tiene in vita». Pupi Avati nasce a Bologna il 3 novembre del 1938. Per qualche anno suona come clarinettista in un'orchestra jazz, poi lavora per una ditta di surgelati. Spronato dall'arte di Fellini e dai finanziamenti di un misterioso miliardario, sul finire degli anni Sessanta tenta infine la strada del cinema, dirigendo "Balsamus, l'uomo di Satana" e "Thomas e gli indemoniati". Nel '75 partecipa alla sceneggiatura di "Salò e le 120 giornate di Sodoma" di Pier Paolo Pasolini per poi scrivere e dirigere, nell'arco di un decennio, altrettanti film e sceneggiati di culto ("La mazurka del barone della santa e del fico fiorone", con Ugo Tognazzi e Paolo Villaggio, "La casa dalle finestre che ridono", "Bordella", "Tutti defunti tranne i morti", "Jazz Band", "Zeder", "Una gita scolastica"), in cui ha dato prova di uno stile assolutamente originale e di notevoli capacità registiche, specie nella direzione degli attori e nello spaziare con disinvoltura dal thriller al grottesco, dal musical alla commedia. In seguito ha realizzato una ventina di lungometraggi, tra cui: "Regalo di Natale" e il suo seguito, "La rivincita di Natale"; "La seconda notte di nozze"; "Storia di ragazzi e di ragazze"; "Il papà di Giovanna"; "Gli amici del bar Margherita", e molti altri. «Cantore di Bologna e dintorni, narratore quasi maniacale di quel pezzo di terra», come ha scritto Silvana Mazzocchi, è autore di due autobiografie e di diversi libri nonché del romanzo "Il ragazzo in soffitta", un'insolita storia di amicizia dalle tinte noir in cui si riaffacciano molti dei temi e delle suggestioni che hanno reso indimenticabile il suo cinema.

«I know that I haven't made the movies I should have; my talent and my vocation should have given more. But dissatisfaction is the driving force that keeps me alive». Pupi Avati born in Bologna in 1938. For a few years, he play the clarinet in a jazz band, and then he works for a deep-frozen food company. Inspired by Fellini's art and spurred by a mysterious millionaire, in the late 1960s he starts his cinema career with "Balsamus, l'uomo di Satana" and "Thomas e gli indemoniati". In 1975, he collaborates to the script of "Salò e le 120 giornate di Sodoma" by Pier Paolo Pasolini. In the following ten year he writes and directs many cult movies ("La mazurka del barone della santa e del fico fiorone", with Ugo Tognazzi and Paolo Villaggio, "La casa dalle finestre che ridono", "Bordella", "Tutti defunti tranne i morti", "Jazz Band", "Zeder", "Una gita scolastica") proving his unique style and extraordinary directing abilities. He then features about twenty films, including "Regalo di Natale" and its sequel, "La rivincita di Natale"; "La seconda notte di nozze"; "Storia di ragazzi e di ragazze"; "Il papà di Giovanna"; "Gli amici del bar Margherita", and many more. «Bard of Bologna and its surrounding area, a nearly obsessive narrator of this corner of land», as Silvana Mazzocchi wrote, he also authored two autobiographies and several books including the novel "Il ragazzo in soffitta", the unusual story of a friendship characterized by many of the issues and intriguing aspect that has made his films unforgettable.

Bibliografia

"Racconto di Natale con molte stelle", Benincasa, 1986"Bix. Un'ipotesi leggendaria", con Antonio Avati, Frassinelli, 1991"Festival. Tra speranze, nevrosi e intrighi, la visione disincantata della Mostra del cinema di Venezia", a cura di Lorenzo Codelli, Marsilio, 1996"Regalo di Natale", con Antonio Avati, Casa del Mantegna, 1996"I cavalieri che fecero l'impresa", Mondadori, 2000"La via degli angeli", con Antonio Avati, Diabasis, 2000"Il cuore altrove e altre storie. Quattro romanzi brevi", Gremse, 2002"La seconda notte di nozze", Mondadori, 2005"Ma quando arrivano le ragazze?", a cura di Lorenzo Codelli, Marsilio, 2005"Il nascondiglio", Mondadori, 2007"Il papà di Giovanna", Mondadori, 2008 (2009)"Sotto le stelle di un film", Il Margine, 2008"Gli amici del bar Margherita", Garzanti, 2009 (2010)"Una sconfinata giovinezza", Garzanti, 2010"Il figlio più piccolo", Garzanti, 2010"La grande invenzione. Un'autobiografia", Rizzoli, 2013 (2014)"Il ragazzo in soffitta", Guanda, 2015