Fogli, Patrick

Persona

Patrick Fogli al Festivaletteratura 2006 - © Festivaletteratura

Finché le articolazioni delle ginocchia hanno retto, ha giocato a tennis tra la serie B e la C. Poi si è laureato in ingegneria elettronica e ha cominciato a lavorare sul serio. Ha un'insana passione per la cioccolata fondente, i blog, il Milan, Bruce Springsteen e gli U2; Pete Sampras e Stefi Graf, il Mac e i pochi cari amici che riescono ancora a sopportarlo. Divide la sua giornata tra la realizzazione di software gestionali, siti web e la scrittura. Facendo il possibile per non confondere le cose. In veste di narratore ha esordito nel 2006 con "Lentamente prima di morire", thriller ambientato a Bologna che ha ricevuto delle ottime critiche e un convinto successo di pubblico. Da allora ha firmato molti altri romanzi, l'ultimo dei quali è "Dovrei essere fumo", pubblicato nel 2014.

Until his knees could take it, he played tennis between second and third division, then he graduated in Electronic Engineering and started a serious job. He has an insane passion for dark chocolate, blogs, Milan FC, Bruce Springsteen, the U2, Pete Samparas, Stefi Graf, Apple computers and his few friends who can still bear him. He devotes his working day to creating software and websites and writing. And he tries very hard not to mix them up. Patrick Fogli made his debut with "Lentamente prima di morire" [Slowly before dying] (Piemme, 2006), a thriller set in Bologna which has been acclaimed both by the critics and the public.

Bibliografia

"Lentamente prima di morire", Piemme, 2006 (2009)
"L'ultima estate di innocenza", Piemme, 2007
"Fragile", Perdisa, 2007
"Si vive solo 200 volte", con Paolo Cevoli, Rizzoli, 2008
"Il tempo infranto", Piemme, 2008 (2010)
"Non voglio il silenzio. Il romanzo delle stragi", con Ferruccio Pinotti, Piemme, 2011
"La puntualità del destino", Piemme, 2012
"Dovrei essere fumo", Piemme, 2014