Friot, Bernard

Persona

Bernard Friot al Festivaletteratura 2014 - © Festivaletteratura

Bernard Friot è tra i più originali scrittori e poeti europei per bambini. Nato a Saint-Piat nel 1951, vive e lavora a Besancon in Francia. Ha insegnato in una scuola di Lille e per quattro anni è stato responsabile del Bureau du livre de jeunesse di Francoforte, un centro per la promozione della letteratura d'infanzia di lingua francese fondato in Germania nel 1995. Da allora si dedica alla traduzione dal tedesco di fiabe e romanzi, ritenendo che questa attività abbia la medesima nobiltà della scrittura d'invenzione. Stando a stretto contatto con i bambini durante il periodo di insegnamento ha la possibilità di studiarne la grande abilità narrativa, adottandola come modello stilistico. Friot si definisce infatti «scrittore pubblico» proprio in virtù della necessità che ha di incontrarsi con i suoi giovani lettori, al fine di ricaricarsi di emozioni e spunti creativi. Le sue celebri "Histoire presseès, histoire minute" nascono anche per venire incontro a quei bambini e adolescenti con grandi difficoltà nella lettura di cui si è spesso occupato personalmente, e il suo obiettivo è quello di trasmettere un'emozione o far nascere un sorriso con storie brevi ma intense. L'attenzione per la musicalità delle parole ha reso inoltre i suoi testi ideali per spettacoli teatrali come quelli di Pascal Chenu, noto cantastorie svizzero con cui ha collaborato a lungo.

(foto: © Festivaletteratura)

Bernard Friot is one of the most original and beloved children's book writers. Before devoting himself to writing he taught in a school in Lille and then he was in charge of the Bureau du Livre de Jeunesse in Frankfurt for four years, a centre for the promotion of French-speaking children's literature in Germany founded in 1995; since then he has dealt with the translation of fairy tales and novellas from German, believing that this activity is just as creative as inventive writing. His experience as a teacher gave him the opportunity to study their great and unconventional creativity in creating stories, which has become his style model. Friot regards himself as a public writer, thanks to the need he feels to meet with his audience of young readers to recharge his emotions. His "Histoire presseès, histoire minute" are born out of the need to approach those children and youngsters with great difficulties in reading, and he often dealt with this issue personally; his objective is to convey emotions or stimulate a smile with brief but intense stories. Also, his attention for the musicality of words made his texts ideal for theatre performances such as Pascal Chenu's ones, a well-known Swiss storyteller.

(photo: © Festivaletteratura)

Bibliografia

"Il mio mondo a testa in giù", illustrazioni di Silvia Bonanni, Il Castoro, 2008 (Il Sole 24 Ore, 2015)

"La mia famiglia e altri disastri", illustrazioni di Silvia Bonanni, Il Castoro, 2009

"Un altro me", TopiPittori, 2010

"Una lavagna chiacchierona", con Eric Gasté, Il Castoro, 2011

"Amanda e il cioccolato", con Anne Herbauts, Il Castoro, 2011

"Ricette per racconti a testa in giù", Il Castoro, 2011 (2013)

"Altre storie a testa in giù", Il Castoro, 2014

"Gli invitati", con Magali Le Huche, Clichy, 2014

"Il libro delle mie vacanze disastrose e degli scarabocchi", Lapis, 2015

"Il libro dei miei record disastrosi", Lapis, 2015

"Io sono un cavallo", illustrazioni di Gek Tessaro, Il Castoro, 2015

"Dieci lezioni sulla cucina, l'amore e la vita. Cancellate le parole che non servono", Lapis, 2016 (2018)

"Voglio scrivere una poesia", illustrazioni di Arianna Papini, Carthusia, 2017

"Il mio primo libro di poesie d'amore", illustrazioni di Desideria Guicciardini, Il Castoro, 2018