Wu Ming

Persona

Wu Ming è il nome che accomuna un collettivo di scrittori. In cinese mandarino wu ming significa «nessun nome» e l'espressione viene spesso usata per siglare la pubblicistica dissidente. I Wu Ming, secondo le intenzioni programmatiche dichiarate nel loro sito (www.wumingfoundation.com), manifestano la «ferma intenzione di non diventare personaggi, romanzieri pacificati da salotto o scimmie ammaestrate da premio letterario». All'opposto rivendicano «radicalità di proposte e contenuti, slittamenti identitari, eteronimie e tattiche di comunicazione-guerriglia, il tutto applicato alla letteratura e, più in generale, finalizzato a raccontare storie». Ma che tipo di storie interessano a Wu Ming? «Innanzitutto, storie che abbiano un capo, un intreccio e una coda. Lo sperimentalismo è accettabile solo ed esclusivamente se aiuta a raccontare meglio». Con un comunicato del 29 dicembre 2010 i Wu Ming hanno congelato il sito storico, facendolo diventare una sorta di archivio: «Dieci anni di reperti in html statico, più alcuni blog dedicati a singoli libri, cristallizzati nell'ambra digitale. Giap diventa a tutti gli effetti il nostro sito: col tempo acquisirà sempre più autonomia, sostituendo quello vecchio in ogni aspetto e ogni funzione, almeno per quanto riguarda l'italiano». A oggi continuano a firmare romanzi e racconti sia come collettivo che come solisti.

Wu Ming is a name used by a group of Italian writers. In Chinese wu ming means «no name» and in China this expression is often used as a signature for dissident writings. According to their Declaration of Intents, which can be found on their Web site (www.wumingfoundation.com), the Wu Ming show their «unwillingness to become VIP, appeased salon writers or trained literary prize monkeys». On the contrary, they claim «radical forms and contents, heteronyms and shifting identities, communication guerrilla tactics. All this is more focused on narrative design or, to put it less specifically, it is aimed at telling stories». But what kind of stories are the Wu Ming interested in ? «First of all, stories that have a beginning, an end and a plot in between. Experimentation is acceptable only and exclusively if it improves story-telling». They still continue to write novels and short stories as a group and as individual authors.

Bibliografia

Wu Ming 5, "Havana Glam", Fanucci, 2001 (2003)
"Ti chiamerò Russelj. Romanzo totale 2002", Corso Bacchilega, 2002
"54", Einaudi, 2002 (2014)
"Giap! Tre anni di narrazioni e movimenti", a cura di Tommaso De Lorenzis, Einaudi, 2003
Wu Ming 2, "Guerra agli umani", Einaudi, 2004 (2009)
Wu Ming 1, "New thing", Einaudi, 2004
Wu Ming 2, "La ballata del Corazza", con Catacchio Onofrio, Edizioni BD, 2005
Wu Ming 5, "Free karma food", Rizzoli, 2006
"Manituana", Einaudi, 2007 (2014)
"American parmigiano", Corriere della sera, 2008
"Deganawidak. La grande pace", con Philip Giordano, Schiaffo Edizioni, 2008
"Grand river", Rizzoli, 2008
"Previsioni del tempo", Edizioni Ambiente, 2008 (Einaudi, 2010)
Wu Ming 4, "Stella del mattino", Einaudi, 2008
"Altai", Einaudi, 2009 (2014)
"New Italian epic. Letteratura, sguardo obliquo, ritorno al futuro", Einaudi, 2009
Wu Ming 2, "Basta uno sparo. Storia di un partigiano italo-somalo nella resistenza italiana", Transeuropa, 2010
Wu Ming 4, "L'eroe imperfetto. Letture sulla crisi e la necessita di un archetipo letterario", Bompiani, 2010
Wu Ming 2, "Pontiac. Storia di una rivolta", con Giuseppe Camucoli e Stefano Landini, Vinvent Books, 2010
Wu Ming 2, "Il sentiero degli dei", Ediciclo, 2010
"Anatra all'arancia meccanica. Racconti 2000-2010", Einaudi, 2011
Wu Ming 2, "Timira. Romanzo meticcio", con Antar Mohamed, Einaudi, 2012
Wu Ming 1, "Point Lenana", con Roberto Santachiara, Einaudi, 2013
Wu Ming 4, "Difendere la Terra di Mezzo. Scritti su J.R.R. Tolkien", Odoya, 2013
"L'armata dei sonnambuli", Einaudi, 2014

Cerca nel catalogo della Rete bibliotecaria mantovana