Vassalli, Sebastiano

Persona

Sebastiano Vassalli al Festivaletteratura 1999 - ©Festivaletteratura

Sebastiano Vassalli è nato a Genova nel 1941, ma fin da piccolo ha vissuto a Novara. Tra gli anni Sessanta e Settanta ha partecipato (anche come pittore, fondando riviste quali "Ant. End." e "Pianura") alle vicende della neoavanguardia nell'ambito del Gruppo 63, con alcune prose sperimentali ("Narcisso", 1968, cui seguono "Tempo di massacro" e "L'arrivo della lozione") e con plaquette poetiche ("Il millennio che muore", 1972), travasando nella pagina le inquietudini politico-sociali di quegli anni. Rispetto a queste esperienze giovanili, "Abitare il vento" del 1980 segna un distacco e una svolta. Il protagonista, come nel successivo "Mareblù", si sente incapace di cambiare il mondo con metodi trasgressivi e rivoluzionari (e poi si chiede: contro chi?). Vassalli cerca quindi nuovi personaggi o, meglio, una letteratura pura (in questo senso è per lui emblematico il poeta Dino Campana, riproposto ne "La notte della cometa") e una dimensione esistenziale anch'essa pura, come la fanciullezza, che è al centro della ricerca delle origini della società odierna nel romanzo "L'oro del mondo", ambientato nel dopoguerra. Intanto Vassalli non smette di indagare il mondo con eclettismo intellettuale (si pensi ai pamphlet "Sangue e suolo" e "Il neoitaliano"). L'investigazione letteraria delle radici e dei segni di un passato che illumini l'inquietudine del presente e ricostruisca il carattere nazionale degli italiani è quindi approdata prima al Seicento con "La chimera", un successo editoriale del 1990, poi al Settecento di "Marco e Mattio", uscito l'anno dopo, quindi all'Ottocento e agli inizi del Novecento prima con "Il Cigno" e "Cuore di pietra". In questa direzione si muovono anche la parentesi fantascientifica di "3012" e opere romanzesche più recenti come "Le due chiese" (2010), "Comprare il sole" (2012) e "Terre selvagge" (2014). Muore il 26 luglio 2015.

Born in Genova in 1941, he is poet and writer. All his most famous novels share an unusual literary reinterpretation of historical events: to mention one of them, "La chimera", awarded the Premio Strega in 1990, reformulates a witchcraft trial accomplished in the seventeenth century in a village of the Novara province. Vassalli's literary production is marked by a deep social commitment and a subtle irony in depicting settings and characters. He died in 2015.

Bibliografia

"Abitare il vento", Einaudi, 1980 (Calypso, 2008)
"Mareblù", Mondadori, 1982 (1992)
"La notte della cometa. Il romanzo di Dino Campana", Einaudi, 1984 (2010)
"Sangue e suolo. Viaggio tra gli italiani trasparenti", Einaudi, 1985
"L'oro del mondo", Einaudi, 1990 (2006)
"Belle lettere" con Attilio Lolini, Einaudi, 1991
"La chimera", Einaudi, 1992 (2005)
"Marco e Mattio", Einaudi, 1992 (2005)
"Il Cigno", Einaudi, 1993
"3012. L'anno del Profeta", Einaudi, 1995 (2000)
"Giosuè Carducci", Ist. Poligrafico dello Stato, 1996
"Cuore di pietra", Einaudi, 1996 (2006)
"Italiani sono gli altri", Baldini e Castoldi, 1998 (2003)
"La notte del lupo", Baldini e Castoldi, 1999 (2010)
"Un infinito numero. Virgilio e Mecenate nel paese dei Rasna", Einaudi, 1999 (2005)
"Archeologia del presente", Einaudi, 2001 (2007)
"Il mio Piemonte" con C. Pessina, Interlinea, 2002
"Dux. Casanova in Boemia", Einaudi, 2002
"Stella avvelenata", Einaudi, 2003 (2007)
"Amore lontano. Il romanzo della parola attraverso i secoli", Einaudi, 2005
"Il robot di Natale e altri racconti", Interlinea, 2006
"La morte di Marx e altri racconti", Einaudi, 2006
"L'italiano", Einaudi, 2007 (2008)
"Natale a Marradi. L'ultimo Natale di Dino Campana", Interlinea, 2008
"Un nulla pieno di storie. Ricordi e considerazioni di un viaggiatore nel tempo", con Giovanni Tesio, Interlinea, 2010
"Le due chiese", Einaudi, 2010
"Comprare il sole", Einaudi, 2012
"Terre selvagge", Rizzoli, 2014