Nadotti, Maria

Persona

Giornalista, saggista, consulente editoriale e traduttrice, Maria Nadotti scrive di teatro, cinema, arte e cultura per diverse testate ("Il Secolo XIX", "Il Sole 24 Ore", "Lo Straniero", "Artforum", "Ms. Magazine", "Conjonctures") e collabora stabilmente col settimanale "Internazionale" e con la rivista "Doppiozero". Si è dedicata a lungo alla diffusione di opere letterarie utili a far luce sullo scontro tra israeliani e palestinesi, ideando nel contempo spettacoli teatrali e seminari sullo storytelling affidati di volta in volta a grandi maestri della letteratura contemporanea (John Berger, Ryszard Kapuscinski e molti altri). Autrice dei documentari "Elogio della costanza" (2006) e "Sotto tregua Gaza" (2009), ha curato vari libri, tra i quali: "Off Screen. Women and Film in Italy" (1988); "Immagini allo schermo. La spettatrice e il cinema" (1991); "Elogio del margine. Razza, sesso e mercato culturale" (1998) e "Il cinico non si addice a questo mestiere. Conversazioni sul buon giornalismo" (2000). Nel 2015 ha pubblicato "Necrologhi", una sarcastica riflessione sui codici pubblicitari e sull'incontro tra pubblicità e sesso, nella convinzione che la pubblicità veicoli soprattutto «il non amore per quel che effettivamente siamo e una furibonda invidia sociale pronta a trasformarsi in depressione, amarezza, impotenza e rancore».(foto: autore)

A journalist, essayist, literary consultant and translator, Maria Nadotti writes about theatre, film, art and culture for a variety of newspapers ("Il Secolo XIX", "Il Sole 24 Ore", "Lo Straniero", "Artforum", "Ms. Magazine", "Conjonctures") and she is a regular contributor to "Internazionale" and the magazine "Doppiozero". She has long dedicated her work to the dissemination of literary works which shed light on the conflict between Israel and Palestine, while at the same time creating shows and seminars on the storytelling of the great masters of contemporary literature (John Berger, Ryszard Kapuscinski and many others). She has created the documentaries "Elogio della costanza" (2006) and "Sotto tregua Gaza" (2009), as well as editing numerous books, including: "Off Screen. Women and Film in Italy" (1988); "Immagini allo schermo. La spettatrice e il cinema" (1991); "Elogio del margine. Razza, sesso e mercato culturale" (1998) and "Il cinico non si addice a questo mestiere. Conversazioni sul buon giornalismo" (2000). She published "Necrologhi" in 2015, a knowing reflection on advertising codes and on the crossover between advertising and sex, in the belief that advertising transmits «the non-love for that which we are and a furious social envy that concern turn into depression, bitterness, powerlessness and resentment.»(photo: author)

Bibliografia

"Silenzio = Morte. Gli USA nel tempo dell'AIDS", Anabasi, 1994
"Nata due volte", Il Saggiatore, 1995
Robin Morgan, "Cassandra non abita più qui", con Maria Nadotti, La Tartaruga, 1996
"Sesso&Genere", Il Saggiatore, 1996
"Prove d'ascolto. Incontri con artisti e saggisti del nostro tempo", Edizioni dell'Asino, 2011
"Necrologhi. Pamphlet sull'arte di consumare", Il Saggiatore, 2015