Bravi, Adrián N.

Persona

Adrian Bravi al Festivaletteratura 2015 - ©Festivaletteratura

Scrittore argentino di origine italiana, nasce a Buenos Aires nel 1963. Ancora venticinquenne, dopo un viaggio alla ricerca delle proprie radici familiari decide di stabilirsi in Italia e di continuare gli studi in Filosofia presso l'Università di Macerata. Oggi vive a Recanati, paese d'origine del padre, e lavora come bibliotecario. Dopo un primo romanzo concepito in spagnolo castigliano (Río Sauce, 2003), con Restituiscimi il cappotto (2004) inizia a scrivere in italiano e a far propri i registri e le sfumature della sua lingua di adozione (svolta a cui in seguito dedicherà pagine illuminanti nel libro La gelosia delle lingue). Seguono opere colme di poesia e comicità, ora occasionate dalla crisi esistenziale di un uomo di mezza età (Il riporto, 2011), ora dal sogno a occhi aperti di un bambino che vive il passaggio all'età adulta grazie a un pugno di bacche velenose (L'albero e la vacca, 2013). L'eredità del miglior realismo magico traspare anche in L'inondazione (2015), romanzo imperniato sulla stralunata quotidianità di una piccola comunità argentina, in L'idioma di Casilda Moreira (2019), i cui protagonisti muovono alla ricerca degli ultimi parlanti di una lingua ancestrale, sperduta nelle profondità della pampa, e nel recente Il lievitatore (Quodlibet, 2020). Nel 2015 l'editoriale argentina Sofia Cartonera ha pubblicato una breve raccolta dei sui racconti, Después de la línea del Ecuador.

(foto: © Festivaletteratura)

English version not available

Bibliografia

Restituiscimi il cappotto, Fernandel, 2004

La pelusa, Nottetempo, 2007

Sud 1982, Nottetempo, 2008

Il riporto, Nottetempo, 2011

L'albero e la vacca, Nottetempo, 2013

L'inondazione, Nottetempo, 2015

La gelosia delle lingue, EUM, 2017

L' idioma di Casilda Moreira, Exorma, 2019

Il lievitatore, Quodlibet, 2020