Seminara, Elvira

Persona

Elvira Seminara al Festivaletteratura 2016

Scrittrice e pop artist, si dichiara una «Cantascorie». Opera tra parole e cose, creando 'mappe narrative' con scarti urbani, domestici ed esistenziali, applicando il riuso inventivo sia nella lingua che nei suoi artefatti. Vive tra Catania e Roma. Giornalista professionista, è stata redattrice nel quotidiano La Sicilia sino al 2012 e docente di Storia del giornalismo nell'Università di Catania. Nel 2008 ha pubblicato il romanzo L'indecenza e nel 2011 Scusate la polvere, entrambi messi in scena dal Teatro Stabile di Catania. Nel 2013 è uscito La penultima fine del mondo. Suoi testi sono tradotti in diversi paesi. La sua definizione di 'darkomedy', commedia nera, ben si attaglia a Scusate la polvere – che richiama con una buona dose di umorismo nero tic, fobie e ossessioni domestiche della società odierna – e alla Penultima fine del mondo, che vede gli abitanti di un paese morire suicidi e sorridenti mentre un giallista cerca di far luce sull'ecatombe. Il romanzo Atlante degli abiti smessi (Einaudi, 2015) narra la storia di Eleonora, una donna che scappa da Firenze a Parigi e prova a ricucire il rapporto con la figlia attraverso la mappa dei suoi vestiti lasciati nella casa abbandonata.

(foto: © Festivaletteratura)

A writer and a pop artist, she defines herself a «cinderteller». She not only devotes her time to words, but also to the creation of objects using waste and urban artefacts that are exhibited in various galleries. She lives in-between Catania and Rome. She was an editor of the newspaper "La Sicilia" until 2012 and Professor of the history and techniques of journalism at the University of Catania. She defines her stories and novels as 'black tales', as evidenced in "Scusate la polvere" (2011) - which comes with a heavy dose of black humour on ticks, phobias and the domestic obsessions of contemporary society – and "Atlante degli abiti smessi" (2015), which focuses on the story of Eleanor, a widow who escapes from Florence to Paris to try to mend her relationship with her daughter by writing about the clothes that she left in the wardrobes of her abandoned home.

(photo: © Festivaletteratura)

Bibliografia

Piccole storie di erba e di vento, M. Scandurra, 2000

Bayt al-Rih (Casa del vento), Armando Siciliano Editore, 2004

Sensi. Donne sull'orlo dell'isola, con Francesco Ruggeri, Domenico Sanfilippo editore, 2004

L'indecenza, Mondadori, 2008 (Libreria degli scrittori, 2015)

I racconti del parrucchiere, Gaffi Editore, 2009

Scusate la polvere, Nottetempo, 2011

La penultima fine del mondo, Nottetempo, 2013

Atlante degli abiti smessi, Einaudi, 2015