05/09/2002 - C'è futuro negli antichi. Proviamo a trovare risposte nel passato ai problemi del presente

VIPERE, RANE E PIUME DI NOTTURNA STRIGE
. Orazio espressionista o pulp?


2002_09_05_031

Una lettura recente di Orazio dal "Libro degli Epodi" nella traduzione del poeta Fernando Bandini, vincitore del premio Amsterdam di poesia latina e del Certamen Vaticanum, nonché traduttore in latino di "La Bufera" di Montale. Lettori: Damiano Scaini e Mario Zolin.


English version not available

Italiano

Il "Quinto Epodo" di Orazio è stato al centro dell'incontro che ha visto per protagonista Fernando Bandini, docente di Filologia Romanza, Stilistica e Metrica Italiana all'Università di Padova e ordinario di Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea in quella di Ginevra. Primo relatore di un ciclo di tre incontri che riguardano l'attualità del pensiero degli antichi, Bandini ha evidenziato quanto alcune traduzioni moderne siano superate rispetto all'originale Oraziano ed ha per questo tentato di offrirne una lettura più al passo coi tempi in modo da salvaguardarne il valore sia per la contemporaneità sia per il futuro. Molto suggestiva la lettura che del libro di Orazio ha proposto un attore della compagnia teatrale Campogalliani di Mantova.

1Luoghi collegati