06/09/2006 - Per una biblioteca domestica

PER UNA BIBLIOTECA DOMESTICA


2006_09_06_006

Anche i libri sono parte di una casa. In una biblioteca domestica ci sono un numero variabile di libri che 'ci devono essere', quelli che ci hanno lasciato, quelli che vorremmo che i nostri figli leggessero, tutti i libri che semplicemente ci sono piaciuti o che non potevamo fare a meno di avere. Nei giardini delle case mantovane, aperti per Festivaletteratura, alcuni scrittori ci parleranno di come costruire una biblioteca domestica o di che cosa c'è nella loro.
 Il 'bibliotecario' di oggi è Paul Collins, bibliofilo, libraio e autore di "La follia di Banvard".


English version not available

Italiano
Inglese

Nel giardino di casa Martini, aperto quest'anno per il Festival, il pubblico si incontra con Paul Collins, accompagnato dal giornalista Stefano Salis. L'argomento all'ordine del giorno è la biblioteca domestica e la particolarità dell'evento sta nel far raccontare in uno spazio privato quello che è il luogo privato per eccellenza dello scrittore. Qual è dunque la misura minima per una biblioteca credibile? Il libro può essere considerato come un oggetto fisico da collezionare? E questi sopravviveranno all'avanzata della tecnologia? Paul Collins è fiducioso, il libro è il mezzo di diffusione culturale più pratico ed economico e detto da uno come lui che possiede circa cinquemila volumi ci si può fidare.

1Luoghi collegati