09/09/2011 - Buonanotte ai suonautori

BLACK BAZAR

2011_09_09_155

Immaginate strade con bar aperti che risuonano di voci di immigrati delle Antille, del Maghreb, dell'Africa Equatoriale, e un sottofondo di ritmi africani che viene da dischi importati o scaricati dal web. La periferia parigina è uno strano spartito musicale, un bazar di suoni dove niente va a tempo ed è tutto stonato, ridicolo, eppure così vitale. E proprio dalle banlieue parte il viaggio in musica con Alain Mabanckou.
p.o.p. produzioni è Marco Olivieri, Fabrizio Orlandi e Claudio Ponzana con la collaborazione di Paola Orlandi. Anche quest'anno per "buonanotte ai suonautori" gli ambienti letterari trasfigureranno negli ambienti sonori, le parole si mescoleranno ai suoni e alle musiche che gli autori stessi hanno suggerito. Per poco più di un'ora la notte si svelerà come spazio sonoro nel quale conoscere più a fondo le scaturigini del fraseggio e dell'ispirazione. Alla fine delle serate sarà aperto un piccolo locale per il ristoro dei visitatori, che proseguirà con musica d'ascolto e generi di conforto per coloro che, ancora desiderosi di suoni, parole e dell'ultimo bicchiere, parteciperanno a queste scorribande notturne sul lago.
Servizio di navetta APAM: partenza da Piazza Sordello ore 22.00, ritorno da Piazza Porta Giulia ore 24.00.

English version not available

Italiano
Francese

La seconda delle serate chiamate "Buonanotte ai suonatori" vede presente lo scrittore congolese Alain Mabankou e la notte prende il titolo di uno dei suoi libri: "Black Bazar". Le musiche africane rendono dolce la serata già gradevolmente rischiarata dal chiaro di luna. Mabankou ascolta assorto e poi inizia a parlare, la musica rievoca le presenze dei suoi antenati e afferma che questo gli fa bene, anche se può apparire ingenuo. L'attaccamento alle radici permette di capire la modernità e in fondo uno scrittore ha bisogno di essere ingenuo.  
Mabankou nasce à Pointe-Noire nel 1966 e il dato biografico ci permette di entrare direttamente nella storia del Congo Brazaville, ripercorsa attraverso le musiche popolari e spezzoni di emissioni radio. 
Mabankou, in "Domani avrò vent'anni", racconta che nella sua classe di scuola elementare i posti erano assegnati a seconda delle capacità degli alunni. I tre migliori davanti e i tre peggiori dietro. Questi ultimi cambiavano sempre, cercavano di uscire dalla loro situazione e di avanzare nelle file. I primi invece sprecavano le loro forze per decidere a chi passare le buone risposte, e decidevano quindi delle file più arretrate. Tra queste due file c'erano i mediocri, tra i quali lo scrittore. Il professore, che fondava la sua autorità sul suono della bacchetta, si ricordava sempre dei primi e degli ultimi. Lasciava gli altri tranquilli. Forse lo spazio della scrittura deve vivere nelle file mediane della mediocrità. 

1Luoghi collegati