11/09/2011 - Lavagne. Problemi scientifici (e musicali) in piazza

IL JAZZ È DAVVERO IMPROVVISATO?

2011_09_11_LAV1000

Pur essendo un tratto caratteristico del jazz, l'improvvisazione non è una condizione essenziale. Ascolti e riflessioni all'incrocio tra scrittura ed invenzione estemporanea. La sfida lanciata lo scorso anno agli scienziati di spiegare una formula o una teoria scientifica solo con gesso e lavagna prosegue e coinvolge quest'anno anche i musicisti, che tratteranno questioni di tecnica e teoria musicale con l'aiuto aggiuntivo di un lettore CD.

English version not available

Italiano

L'ultima 'lavagna musicale' di Festivaletteratura 2011 vede ancora protagonista il musicologo Stefano Zenni, che ripercorre la storia del jazz per dimostrare com'è possibile riconoscere l'improvvisazione in questo 'grande calderone': Zenni riparte da Louis Armstrong, passando per Charlie Parker e Charles Mingus, per approdare infine a George Russell affermando che l'improvvisazione non è mai 'totale'. Il jazz è sempre trasmesso oralmente, durante il Novecento e oltre, e meno di altri 'stili' gode di una codificazione fissa: ciò significa che l'improvvisazione è fondata sulla ri-significazione di ciò che esiste; le variazioni sul tema o l'improvvisazione libera totale dunque sono stratificazioni di senso. Dallo swing al bop, dal free al jazz rock, i musicisti, secondo Zenni, non creano nulla ex-novo ma lavorano su materiale che esiste (tracce, regole), aggiungendo una componente creativa estemporanea che tiene conto di strutture codificate, siano esse partiture complesse o semplicemente un'indicazione di 'clima' da ricreare suonando (nel caso del free jazz, ad esempio). Un giovane nel pubblico chiede dunque se l'improvvisazione, in senso stretto esiste, e così risponde Zenni: «Dobbiamo intenderci sul concetto d'improvvisazione, che varia di epoca in epoca, di cultura in cultura, di luogo in luogo». Quello che i jazzisti fanno, pensandoci di più o di meno, per caratterizzare il jazz è dunque aggiungere la componente fisica che è propria di questo genere, e soprattutto 'presentificare' il loro io, poiché il jazz è la musica che meglio rappresenta quest'epoca liquida in cui viviamo, poiché è lo stile più vicino all'umano e alla vita. 

1Persone correlate

1Luoghi collegati

13Eventi collegati

1Enti correlati