09/09/2020 - Interviste impossibili

UN LABIRINTO DI PAROLE

2020_09_09_401

Se ci si addentra nelle miriadi di classifiche online riguardanti la migliore letteratura fantastica e horror – siano esse blasonate o stilate dal più anonimo utente di qualche forum – si trova immancabilmente un titolo che appare con costanza tra i più citati: Casa di foglie, di Mark Z. Danielewski. La fiaba nera dello scrittore newyorkese è diventata fenomeno di culto tra appassionati e bibliofili e per molto tempo è stato quasi introvabile sul mercato. Gotico? Postmoderno? Narrativa sperimentale? La storia intricata che racconta si riflette nell'impaginazione, tra narrazioni parallele, acrostici, note ricorsive, testi al contrario e font camaleontici che richiedono al lettore uno sforzo di concentrazione per calarsi all'interno della vicenda narrata. «Questo non è per te», afferma laconicamente l'incipit del libro, ma siamo convinti sia impossibile non perdersi affascinati nell'intricata massa di pagine quasi magiche cucita da Danielewski, che fanno del suo romanzo – come ha dichiarato Stephen King – «il Moby Dick della letteratura del terrore».

L'intervista si terrà in inglese con sottotitoli in italiano.

Gli incontri in streaming saranno visibili sul sito 2020.festivaletteratura.it, e in città alla Tenda Sordello (ingresso gratuito con prenotazione), in bar e caffè del centro, presso la Fondazione Palazzo Te e in altri luoghi in via di definizione (l'elenco completo e aggiornato sarà disponibile sul sito 2020.festivaletteratura.it).

English version not available

Inglese

1Luoghi collegati