Diciottotrenta

rassegna

A tutti i lettori compresi tra i 18 e i 30 anni nel 2012 Festivaletteratura offre alcune opportunità in più per soggiornare a Mantova e per partecipare attivamente a molti degli eventi previsti in programma.
Durante i giorni del festival è stato aperto il CAMPEGGIO TEMPORANEO SPARAFUCILE presso l'area di sosta camper in via Legnano 1/A. Al campeggio si può accedere esclusivamente portando la propria tenda. Il costo a persona è di 5 euro per una notte, 15 euro per tutto il periodo del Festival (non è previsto un costo aggiuntivo per piazzola). È possibile effettuare una prenotazione attraverso alla pagina web www.festivaletteratura.it/diciottotrenta. Il soggiorno in campeggio è riservato a giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni. A tutti gli ospiti del campeggio è rilasciata una diciottotrenta card che offre la possibilità di usufruire della mensa del Festival e di ottenere uno sconto sul Ticket Festival previsto da APAM per l'uso delle linee urbane degli autobus nei giorni della manifestazione. La diciottotrenta card può essere richiesta gratuitamente anche da chi non soggiorna in campeggio - purché d'età compresa nella fascia 18 > 30 - presso i punti informativi del Festival (Piazza Sordello, Piazza Martiri di Belfiore, Biglietteria del Festival e Campeggio temporaneo Sparafucile). Queste iniziative hanno trovato seguito anche nel 2013.

Nel corso dell'edizione 2012 di Festivaletteratura sono stati inoltre previsti eventi EXTRA, aperti per il pubblico diciottotrenta prima ancora che il Festival abbia ufficialmente inizio.
Questi incontri hanno offerto nuove modalità di partecipazione: attraverso il sito internet e i social network, è stato infatti possibile intervenire agli eventi di Blurandevù e Translation slam, ai Wiki-Workshop e alle Lavagne di argomento scientifico ed economico, inviando le proprie proposte in merito alle domande da rivolgere agli autori, alle traduzioni, alle voci di Wikipedia da compilare e alle parole scelte per le Lavagne.
Del progetto faceva parte anche la serie di sei incontri "Extralab" dedicati al rapporto tra cultura e nuovi media.