Gnocchi, Gene

Persona

Gene Gnocchi al Festivaletteratura 2015 - ©Festivaletteratura

Attore, showman e scrittore, Gene Gnocchi debutta allo Zelig di Milano nel 1989. Dello stesso anno è la sua prima partecipazione televisiva alla trasmissione "Emilio", con un successo tale che nel 1990 riparte un'edizione speciale del programma. Sempre nello stesso anno è ospite fisso della trasmissione "Il gioco dei nove", condotta da Gerry Scotti, nella quale si distingue per la sua comicità stralunata e surreale. È poi la volta della sitcom "I vicini di casa", a cui seguono negli anni Novanta e Duemila numerose partecipazioni a programmi di successo, da "L'approfondimento", "Mai dire Gol" e "Meteore" a "Quelli che il calcio" su Rai 3, in cui presenzia con divertentissimi sketch fino al 2007. Sempre su Rai 3, nel 2010-2011 conduce "L'almanacco del Gene Gnocco". In seguito partecipa alla trasmissione "In onda" su La 7 e dal 2011 è ospite fisso de "La domenica sportiva" su Rai 2. Per il grande schermo ha recitato insieme a Margherita Buy nella commedia agrodolce di Giuseppe Piccini, "Cuori al verde", e con Veronica Pivetti nel film "Metalmeccanico e parrucchiera", per la regia di Lina Wertmüller. Approda in teatro con lo spettacolo "Santo Sannazzaro fa una roba sua", scritto insieme a Francesco Freyre e diretto da Daniele Sala. Altrettanto di rilievo è la sua attività di scrittore, che comincia da "Una lieve imprecisione" - raccolta di racconti che riscuote numerosi apprezzamenti dalla critica - e prosegue fino ai recenti "Il gene dello sport" (2013) - nato dai continui confronti tra l'autore e i lettori di "Sportsweek" - e "Cosa fare a Faenza quando sei morto" (2015).(foto: Festivaletteratura)

He started his career as a comedian at the Zelig Theatre of Milan in 1989. The same year he took part, for the first time, to a TV program, "Emilio", which was so successful that, in 1990, a special edition of that same program was aired. The same year Gene Gnocchi became a permanent guest of the program "Il gioco dei nove" presented by Gerry Scotti, in which he stood out due to his bewildering and bizarre humour. Later he starred in the sit-com "I vicini di casa", followed by many television performances in several famous programs such as "Striscia la Notizia" and "Quelli che il calcio". As far as cinema is concerned, he acted with Margherita Buy, in the comedy by Giuseppe Piccini, "Cuori al verde", and then in the film "Metalmeccanico e parrucchiera" by Lina Wertmüller. After that, he started working on stage with the play "Santo Sannazzaro" fa una roba sua, written by him and Francesco Freyre, and directed by Daniele Sala. He then began his writing activity with "Una lieve imprecisione", a collection of short stories, which received very good reviews. His latest works include "Il gene dello sport" (2013) - born from his continuous interaction with "Sportsweek" readers - and "Cosa fare a Faenza quando sei morto" (2015).

Bibliografia

"Una lieve imprecisione", Garzanti, 1991 (CDE, 1994)"Stati di famiglia", Einaudi, 1993 (CDE, 1994)"Il culo di Sacchi", Zelig editore, 1994"Il signor Leprotti è sensibile", Einaudi, 1995"La casa di chi", con Mauro Bellei, il Melangolo, 1996"Il mondo senza un filo di grasso. Dizionario delle impressioni del mondo licenziate dall'autore senza il consenso del mondo", Bompiani, 1997 (2004)"Sistemazione provvisoria del buio", Einaudi, 2001"Sai che la Ventura dal vivo è quasi il doppio?", con Francesco Freyre, Einaudi, 2002"L'invenzione del balcone", Bompiani, 2011"Il gene dello sport. Tutto quello che avreste voluto sapere sullo sport e avete osato chiedere", Bompiani, 2013"Cosa fare a Faenza quando sei morto", Bompiani, 2015