Ciotti, Luigi

Persona

Luigi Ciotti al Festivaletteratura 2014 - © Festivaletteratura

Don Luigi Ciotti nasce a Pieve di Cadore nel 1945. Terminati gli studi presso il seminario di Rivoli diviene sacerdote nel 1972. Nel 1965, insieme ad alcuni amici, promuove un gruppo di impegno giovanile che prenderà in seguito il nome di Gruppo Abele. Nel 1973 il Gruppo inaugura il Centro Droga, luogo di accoglienza e ascolto per i primi giovani con problemi di tossicodipendenza. È un'esperienza allora unica in Italia, cui seguirà l'apertura di alcune comunità. A partire dal 1979, il Gruppo Abele si apre anche alla cooperazione internazionale, con progetti in Vietnam, Sud America e Costa d'Avorio. Nel 1982 don Ciotti contribuisce alla nascita del Coordinamento nazionale delle comunità di accoglienza, presiedendolo per dieci anni, e nel 1986 partecipa alla fondazione della Lega italiana per la lotta contro l'AIDS. Sempre più attivo sul piano sociale, dagli anni Novanta allarga il suo impegno civile e religioso al contrasto della criminalità organizzata. Dopo le stragi di Capaci e Via d'Amelio fonda il mensile "Narcomafie". Nel 1995 è la volta di "Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie", nata con l'intento di combattere il crimine mafioso in tutte le sue forme e di coordinare un network di associazioni, scuole, gruppi e realtà di base per promuovere la cultura della legalità e sensibilizzare la società civile. Inserita dall'Eurispes tra le eccellenze italiane, nel 2012 Libera è stata riconosciuta dalla rivista "The Global Journal" tra le cento migliori Ong del pianeta.

Don Luigi Ciotti was born in Pieve di Cadore in 1945. After completing his studies at Rivoli seminary he became a priest in 1972. In 1965, he promoted a group of young and committed people later named Gruppo Abele. In 1973 the group started the Drug Centre, a welcome place for youngsters with drug issues. Many communities were created following these initiatives. Since 1979 the Abele Group has opened up to international cooperation, with projects in Vietnam, South America and Ivory Coast. He then extended his commitment to the fight against organized crime and AIDS. In 1995 he created "Libera", an association against mafia. Within Eurispes, in 2012 Libera was recognized by the magazine "The Global Journal" as one of the 100 best NGOs of our planet.

Bibliografia

"Genitori, figli e droga, con Gabriella Vaccaro", Edizioni Gruppo Abele, 1983
"Chi ha paura delle mele marce? Giovani, droghe, emarginazione", SEI, 1992
"Persone, non problemi. L'utopia concreta della strada", Edizioni Gruppo Abele, 1994
"Disagio sociale e nuove povertà", CdG, 1994
"Terra e cielo. Le strade del Vangelo", Mondadori, 1998
"Una chiesa dei poveri o una chiesa povera?", Edizioni Gruppo Abele, 1999
"Dialogo sulla legalità", con Nichi Vendola, Manni, 2005
"I cristiani e il valore della politica", Edizioni Gruppo Abele, 2006
"Non lasciamoci rubare il futuro", SEI, 2006 (2009)
"La speranza non è in vendita", Giunti, 2011
"Michele Pellegrino. Padre della Chiesa, padre della città", con Enzo Bianchi ed Ernesto Olivero, EDB, 2012
"Solidarietà. Le virtù civili", ASMEPA Edizioni, 2012
"Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati", con Salvatore Natoli, Lindau, 2013
"Vivo e vegeto", con Don Andrea Gallo, Moni Ovadia e altri, Piemme, 2013
"Cambiare noi", con Antonio Mazzi e Antonio Sciortino, San Paolo, 2013

Cerca nel catalogo della Rete bibliotecaria mantovana