11/09/2016 - Raccontare la maternità

SOLO E PER SEMPRE MADRE

2016_09_11_244

Perché non è politicamente corretto fare umorismo sulla maternità? Perché la 'sacralità' dell'essere madre non ammette ironia e soprattutto non ammette termini di confronto? Julia Pierpont, che ha esordito con un romanzo acclamato dalla critica e dai lettori, racconta in "Tra le infinite cose" i sentimenti contrastanti di Deb, incastrata tra il suo ruolo di moglie e i sentimenti verso gli amati figli. Gaia Manzini, presente nell'antologia "Pensiero madre", in "Diario di una mamma in pappa" coniuga con ironia e leggerezza la voglia di essere mamma con il tentativo di mantenere la propria identità di donna. A fare il punto insieme alle autrici su come la letteratura racconta la maternità la mamma e blogger Federica Velonà.

English version not available

Italiano
Inglese

Non disponibile.

1Luoghi collegati