Corradin, Roberta

Persona

Roberta Corradin al Festivaletteratura 2014 - ©Festivaletteratura

Roberta Corradin è una giornalista specializzata in enogastronomia e viaggi. Traduttrice di narrativa e saggistica dal francese e dall'inglese, alla fine degli anni Ottanta ha cominciato a lavorare per testate fumettistiche come "Lupo Alberto", "Cattivik", "Sturmtruppen", "Blue" e l'immancabile "Linus". Oggi scrive per riviste e giornali tra cui "l'Espresso", "Gambero Rosso" e "D La Repubblica delle donne"; anima inoltre le colonne del suo blog su "Il Fatto Quotidiano". Dal 1995 firma libri che affrontano l'universo cucina in modo scherzoso, esordendo con "Ho fatto un pan pepato". Ha al suo attivo due Premi Internazionali di Letteratura Enogastronomica (Minori e Costa d'Amalfi): il primo ricevuto nel 2007 per la traduzione di "Spezie" di Jack Turner; il secondo nel 2008 per "Le cuoche che volevo diventare", un excursus nel mondo della cucina al femminile in cui hanno un ruolo di primo piano soprattutto le anonime cuoche domestiche. Nel 2013 è la volta de "La repubblica del maiale", una contro-storia dell'Italia repubblicana incentrata sui cambiamenti della cultura nazionale nell'arco degli ultimi decenni, a partire dalle mode e dalle tendenze culinarie.

English version not available

Bibliografia

"Ho fatto un pan pepato", Zelig, 1995
"Un attimo, sono nuda", Piemme, 2000
"Le cuoche che volevo diventare", Einaudi, 2008
"La repubblica del maiale. Sessant'anni di storia d'Italia tra scandali e ossessioni culinarie", Chiarelettere, 2013