Lonquich, Alexander

Persona

Alexander Lonquich nasce a Trier in Germania. Nel 1977 vince il Primo Premio al Concorso Casagrande dedicato a Schubert. Da allora tiene concerti in Giappone, Stati Uniti e nei principali centri musicali europei. La sua attività lo vede impegnato con direttori d'orchestra quali Claudio Abbado, Kurt Sanderling, Ton Koopman, Emmanuel Krivine, Heinz Holliger, Marc Minkowski. Particolare in tal senso è stato il rapporto mantenuto con Sandor Vègh e la Camerata Salzburg, di cui è tuttora regolare ospite nella veste di direttore-solista. Un importante ruolo svolge inoltre la sua attività nell'ambito della musica da camera. Alexander Lonquich, infatti, nel corso degli ultimi anni ha avuto modo di collaborare tra gli altri con: Christian Tetzlaff, Joshua Bell, Heinrich Schiff, Steven Isserlis, Isabelle Faust, Isabelle von Keulen, Boris Pergamenschikov, Heinz Holliger e Frank Peter Zimmermann, con cui ha ottenuto numerosi riconoscimenti dalla critica internazionale quali il Diapason d'Or 1992, il Premio Abbiati nel 1993 e il Premio Edison in Olanda nel 1994. Nel 2003 Alexander Lonquich ha formato con la moglie Cristina Barbuti un duo pianistico esibendosi in Italia, Austria, Svizzera, Germania e Norvegia. Nel ruolo di direttore-solista collabora stabilmente con l'Orchestra da Camera di Mantova - con cui in particolare ha svolto un lavoro di ricerca e approfondimento tra il 2004 e 2007 sull'integrale dei concerti per pianoforte e orchestra di Mozart - e tra le altre con l'Orchestra della Radio di Francoforte, la Royal Philarmonic Orchestra, la Deutsche Kammerphilarmonie, la Camerata Salzburg e la Mahler Chamber Orchestra . Sempre più spesso dirige repertorio sinfonico. Dopo aver effettuato incisioni EMI dedicate a Mozart, Schumann e Schubert, ha iniziato una collaborazione con la ECM, registrando musiche del compositore israeliano Gideon Lewensohn e un cd di musica pianistica francese dell'inzio del XX secolo con gli Improptus di Fauré, Gaspard de la nuit di Ravel e i Préludes di Messiaen. Ai numerosi impegni concertistici Lonquich ha affiancato negli anni un intenso lavoro in campo didattico tenendo masterclass in Europa, Stati Uniti e Australia.

Alexander Lonquich was born in Trier, Germany. In 1977 he won the First Prize at Concorso Casagrande dedicated to Schubert. Since then he has been performing in concerts in Japan, United States and in the main European music centres. He has played with the greatest conductors such as Claudio Abbado, Kurt Sanderling, Ton Koopman, Emmanuel Krivine, Heinz Holliger, Marc Minkowski. He maintained a special professional relation with Sandor Vègh and Camerata Salzburg for which he is still a regular guest in his capacity as conductor-soloist. He is also an esteemed chamber musician, he worked with famous players including: Christian Tetzlaff, Joshua Bell, Heinrich Schiff, Steven Isserlis, Isabelle Faust, Isabelle von Keulen, Boris Pergamenschikov, Heinz Holliger and Frank Peter Zimmermann, with whom he obtained many international awards including the Diapason d'Or 1992, the Abbiate Prize in 1993 and the Edison Prize in Holland in 1994. In 2003, Alexander Lonquich formed a piano duo with his wife Cristina Barbuti performing in Italy, Austria, Switzerland, Germany and Norway. In his capacity as a conductor-soloist he works on a regular basis with Mantua Chamber Orchestra - with which he carried out some research on the integral of concerts for piano and orchestra by Mozart and also with Frankfurt Radio Orchestra, Salzburg and Mahler Chamber Orchestra. He often conducts symphonic music. After some recordings with EMI dedicated to Mozart, Schumann and Schubert, he started working for ECM, recording music by the Israeli composer Gideon Lewensohn and a CD of early 20th-century French piano music with Impromptus di Fauré, Gaspard de la nuit di Ravel e i Préludes di Messiaen. Alongside his activity as a concert performer, he has also taught extensively in master classes in Europe, USA and Australia.

Bibliografia

In costruzione

Cerca nel catalogo della Rete bibliotecaria mantovana