09/09/2006 - Balcanica

L'ALBANIA TRA DESTINO E DESTINAZIONE


2006_09_09_140

Il cammino dell'Albania dopo gli anni bui del regime comunista appare ancora fortemente incerto. Gli scritti di Fatos Lubonja, uno degli intellettuali più lucidi nella denuncia dell'attuale situazione politica ("Intervista sull'Albania"), e di Ornela Vorpsi, artista e fotografa impostasi nella narrativa con Il paese dove non si muore mai, ci rimandano l'immagine di un paese che fatica a pensare a un orizzonte condiviso preferendo spesso delle scorciatoie personali. Un confronto tra due delle voci più significative del panorama culturale albanese.


English version not available

Italiano

È la raccolta chiesa di Santa Maria della Vittoria ad ospitare, sotto il soffito recentissimamente ristrutturato l'incontro tra Ornela Vorpsi e Fatos Lubonja. I due scrittori albanesi si confrontano con il pubblico attento e partecipe spaziando tra vari argomenti. Per Lubonja, l'uomo che ha fatto del suo destino una destinazione, è infatti impossibile non parlare della condizione socio-economica del suo paese, della sua storia, della dittatura e della condizione presente, dei motivi che impediscono all'Albania di risollevare il proprio destino e dell'immirazione. Vorpsi, con la sua voce dal marcato accento francese, preferisce invece concentrarsi su argomenti più squisitamente letterari, la lingua, i suoi romanzi, la poetica. Dell'Albania ha un ricordo, che tiene chiuso da qualche parte. E non ci torna. Ma solo perché non è una viaggiatrice.

1Luoghi collegati