10/09/2011 - Consapevolezza verde

ETHICAL LIVING

2011_09_10_225

C'è un modo per riuscire a condurre una vita totalmente coerente ai principi del rispetto dell'ambiente, sapendo sempre qual è la scelta più corretta da fare? Sì, basta seguire assiduamente su "The Guardian" la rubrica "Ethical living" di Leo Hickman. Il giornalista inglese, in costante dialogo con i lettori, offre delle risposte spiazzanti, ironiche e puntualmente argomentate sulla sostenibilità di qualsiasi nostra azione quotidiana. Senza alcuna presunzione, ma partendo dalla sua (faticosa) esperienza di organizzazione familiare e domestica a impatto zero, l'autore di "La vita ridotta all'osso" spesso arriva a censurare quei comportamenti che sono comunemente considerati poco dannosi per l'ecosistema. Lo incontra il conduttore di "Caterpillar" Massimo Cirri.

English version not available

Italiano
Inglese

Capisci che la tua vita sta cambiando il giorno in cui il postino, invece di una bolletta, ti porta un pacco di lombrichi. Non è uno scherzo, ma è l'inizio di un modo di vivere più ecologico, quello che per un anno il giornalista britannico Leo Hickman e la sua famiglia hanno sperimentato sulla loro pelle. Hickman racconta di averlo fatto su richiesta del suo giornale, "The Guardian": nel 2003, il suo caporedattore gli ha chiesto se voleva sperimentare uno stile di vita diverso per scriverne sul giornale. Ne è nata una rubrica, "Ethical Living", e due libri. Hickman, intervistato da Massimo Cirri, racconta le avventure e disavventure di un cambiamento così drastico: londinese con casa in città senza giardino, è stato costretto a costruire una postazione per i lombrichi sul balcone dove smaltire gli avanzi di cucina. Ha poi dovuto aprire casa a degli inflessibili consulenti che lo hanno obbligato a buttare prodotti a cui era abituato da sempre, senza dimenticare che la moglie - in attesa del loro primo figlio - ha dovuto usare solo pannolini non usa e getta. Quella che sembrava un'avventura iniziata per obblighi di lavoro (e che ha rischiato di farlo divorziare) si è però trasformata in un coinvolgimento positivo: la scelta di un singolo individuo non è poi così indifferente e ha coinvolto sempre più persone grazie alla rubrica sul giornale e al web, raggiungendo uno degli obiettivi prefissati, cioè la creazione di un senso di comunità consapevole del valore delle sue scelte. Un segreto per sopportare un'esperienza simile è quello di cambiare gradualmente, partendo dalle piccole cose. Questo poi consente di vedere tutto - anche i rapporti delle persone nel mondo - in modo diverso. «Però», risponde Hickman stuzzicato da Cirri, «non si è trattato di una conversione di tipo religioso: si potrebbe viverla così, ma meglio pensarla come un nuovo modo di pensare senza obbligare nessuno a fare la stessa cosa».

1Luoghi collegati

1Rassegne e temi correlati