04/09/2008 - Vocabolario europeo

VOCABOLARIO EUROPEO. La parola (d)agli autori


2008_09_04_019

Ioanna Karistiani - dal greco 'θλασσα' (thálassa), s. f.: 'mare
' Angel Wagenstein - dal bulgaro s. pl.: 'lettere' (dell'alfabeto)
 Da quando la letteratura ha perso prestigio linguistico, gli scrittori non fanno più testo e le parole si sono un po' spente. E oggi che si cercano di definire gli elementi di una comune identità europea, il rischio è - anche dal punto di vista linguistico - di arrivare a un anonimo accordo al ribasso. Per evitare tutto questo, Festivaletteratura ha chiesto agli autori di riprendere la parola e di regalarne una, tratta dalla propria lingua, da inserire in un vocabolario condiviso. Al linguista Giuseppe Antonelli il compito di registrare le varie voci.


English version not available

Italiano
Bulgaro

Vocabolario Europeo è una serie di eventi alternativi, dove non ci sarà spazio per autori o libri, ma solo per le parole. A ogni scrittore, infatti, è chiesto di scegliere un termine e di creare una voce articolata corrispondente da mettere sulla rete. Da questa sfilata di parole poi, si spera, si creerà una nuova lingua; una lingua adottiva che avrà come scopo combattere l'abuso semantico e la scomparsa (o meglio, l'uccisione) delle lingue nazionali. Al primo incontro erano presenti la scrittrice greca Ioanna Karistiani e l'autore bulgaro Angel Wagestein: scelta non casuale, ma in grado, con la coordinazione di Giuseppe Antonelli, di rappresentare i tre alfabeti ufficiali dell'Unione Europea (latino, cirillico e greco). Anche le parole presentate erano significative: 'θαλασσα' e 'БЎКВИ', rispettivamente 'mare' e 'lettere dell'alfabeto'. Parole alla base della letteratura quindi, 'τοποι' universali, che appartengono alla tradizione linguistica e ricorrono dall'antichità fino alla cultura pop; scelte però non come stratagemmi letterari ma perché in grado di racchiudere in sé la storia del proprio popolo.

1Luoghi collegati