Englander, Nathan

Persona

Nathan Englander al Festivaletteratura 2012 - ©Festivaletteratura

Nathan Englander è cresciuto a New York e vive tra Brooklyn e Madison, in Wisconsin. Suoi racconti sono apparsi sul "New Yorker", sul "New York Times" e sul "Washington Post" e sono stati pubblicati all'interno di numerose antologie; Englander è stato inoltre menzionato dal "New Yorker" come uno dei venti migliori scrittori del ventunesimo secolo. Pubblicato in contemporanea dai maggiori editori di diversi Paesi, "Per alleviare insopportabili impulsi" ha vinto il PEN/Malamud Award e il The Sue Kaufman Prize for First Fiction dell'American Academy of Arts and Letters. Il suo primo romanzo, "The Ministry of Special Cases", è uscito negli Stati Uniti nell'aprile 2007 ed è stato accolto come uno dei migliori romanzi contemporanei. Insegna presso l'Hunter College di New York e tiene un corso all'interno del programma Writers in Paris della New York University.

Nathan Englander grew up in New York and now lives in Jerusalem. His short stories have been published in "The New Yorker", "The Atlantic Monthly", "Story" and included in several anthologies. Published simultaneously in eight countries, "For the relief of unbearable urges" revealed to the critics and the public an author, as Ann Beattie put it, «with a voice which has revolutionized the structure of short story writing». It has revealed to the public an original talented author typical of the Jewish-Christian tradition. His book won him a PEN/Malamud Award and The Sue Kaufman Prize for First Fiction of the American Academy of Arts and Letters. His first novel "The Ministry of Special Cases", published in the USA in April 2007 by Random House, is already considered one of the best contemporary novels.

Bibliografia

"Per alleviare insopportabili impulsi", Einaudi, 1999 (Mondadori, 2007)
"Il ministero dei casi speciali", Mondadori, 2007 (2008)
"Di cosa parliamo quando parliamo di Anne Frank", Einaudi, 2012